Problemi del Popolo dei San di Job Morris

In english below

I San sono esposti a una serie di fattori sociali ed economici che vanno a colpire i loro diritti umani. Dovunque in Botswana. E hanno bassissime possibilità di occupazione. Essi hanno grandi difficoltà nel resistere e sopravvivere quando vengono separati dalle loro comunità tradizionali, e quando vivono in un ambiente sociale che non promuove la loro partecipazione nella vita economica e sociale. La giustizia economica e sociale, e la partecipazione ai loro valori e usanze tradizionali è un diritto sancito per  tutti  i popoli indigeni. La loro povertà nella conduzione della famiglia li obbliga a una serie di attività che ha come risultato spesso quello di essere messi in prigione (vedi articolo “Un pò di Storia dei Boscimani”, relative al divieto di caccia per la sopravvivenza). I San in Botswana molto raramente traggono beneficio dal marketing che promuove le loro imagini, le loro metafore, la loro arte, la loro musica e il loro artigianato. Per la maggior parte, essi vengono messi da parte nel processo che invece sostiene altri gruppi e minoranze svantaggiati. Sorprendentemente, la minaccia incombente della loro estinzione ha aggiunto valore di mercato alla loro “esotica” cultura. Contrariamente a quello che si vede in television e sui magazine, la gente chiamata San, e Boscimani, non vive in un idilliaco passato. Essi sono gente che vive nel mondo modern ma che combatte con forme estreme di deterioramento sociale e di devastazione economica. I San sono spesso dipinti come puri cacciatore-raccoglitori, rappresentanti di qualche specie primitive della razza umana, che vivono in armonia con la natura, che rifiutano il concetto di proprietà, e che hanno bisogno solo della loro terra.  Facendo così, loro, e I loro problem, vengono completamente estraniati e rimossi dalla economia e dalla politica. In molti casi, I San non hanno affatto accesso a una educazione sanitaria, e alle cure del sistema sanitario; questo non fa che aumentare il loro rischio di contrarre malattie indesiderate. Malattie a trasmissione sessuale e tubercolosi sono una grave minaccia per il popolo dei San, ancor più per quelli che vivono nel Central Kalahari Game Reserve. Proprio perchè  ignorano queste minacce, non sanno nemmeno di cosa hanno bisogno per curarsi. Il sistema legislativo e giudiziario inoltre  sembra avere la capacità, in ogni decisione, di distruggere la comunità boscimane. Il Botswana è già un Paese sovraccarico di comunità emarginated politicamente. La Commissione dei Diritti Umani ha decretato che la promozione e la protezione dei diritti delle persone che appartengono a minoranze nazionali, etniche, religiose o linguistiche, contribuiscono alla pace e stabilità sociale e politica, e arricchiscono la diversità cultural e il patrimonio cultural della società. Ma questa dichiarazione è davvero poco considerate, o ignorata del tutto. Questo grave problema dei San è stato spesso posto all’attenzione del corpo legislative, ma poco o niente è stato fatto per riconoscere il bisogno del mio popolo. Crediamo in un approccio innovativo in cui i San siano coinvolti e possano avere una chance per un proprio attivismo, avendo propri rappresentanti ufficiali anzichè essere rappresentati. E’ necessario che I San mettano insieme differenti pensieri ed esperienze a che possano così incontrare direttamente le persone al potere economico, politico  e legislativo. Qualche volta per I San è difficile raggiungere un equilibrio tra la loro cultura indigena e quella dominante; questo crea confusion e conduce ad una perdita di identità e di diversità cultural. E’ quindi fondamentale coinvolgerli in processi decisionali, per udire la loro voce, identificare I loro bisogni e agire, invece di assimilarli alla maggioranza del mondo moderno.

Traduzione di Raffaella Milandri

 Current issues of the San People

San are vulnerable to a range of social and economic factors that affect their human rights. Throughout Botswana, and have lower employment prospects. They have great difficulty coping when they are separated from their traditional communities and live in a social environment that does not promote their participation in economic or social life. Economic and social justice and participation in traditional customs, values and practices, is a right to which all indigenous peoples are entitled to. Their poverty in the family institution leads to a wider range of activities that often results to them been incarcerated. San in Botswana communities rarely benefit from the marketing of their images, artefacts, metaphors, art, dance, riddles and music. For the most part, they have been left out of the democratic processes that are empowering other previously disadvantaged groups. The threat of their extinction has surprisingly added market value to their exotic culture. Contrary to TV adverts and coffee table books, the people usually called San and Bushmen do not live in some idyllic past. They are contemporary people battling with extreme forms of social deterioration and economic devastation. The San are often framed as pristine hunter-gatherers, representatives of some previous human beings, living close to nature, rejecting the concept of ownership, and needing nothing more than the land. In so doing, they are effectively removed as well as their issues from the economics and the politics of the present.

In many cases, San lack adequate access to affordable and culturally sensitive health education and health care, increasing their risk of contracting unwanted diseases. Sexually oriented diseases and tuberculosis, are a threat to the society of the San, especially in the case of the San from Central Kalahari Game Reserve, however, for the fact that they have little knowledge about the diseases, it is easier for them to neglect the need for medication.

Every now and then, a legislative decision comes along that seems to snap a fuzzy area of law into crisp focus and it has the ability to annihilate cultures of the San communities. It is a common and a known fact that Botswana is a country most burdened with politically marginalised communities. The Human Rights Commission considered that the promotion and protection of the rights of persons belonging to national or ethnic, religious and linguistic minorities contribute to political and social stability and peace and enrich the cultural diversity and heritage of society but this declaration is rarely or not noticed at all. This particular problem has been addressed in many occasions where handouts as well as materials have been given in an effort to bring to the attention of the legislative body but little or nothing has be done  to recognize the needs of the San.

The San intellects believe in an innovative approach where the San are engaged and are also given a chance for activism by themselves and represent themselves in forums rather then been represented. It is necessary for the San to bring together different thoughts and experiences and they themselves can be able to meet the key people of legislature and lobby.

Sometimes the San find it difficult to reach a balance between their indigenous heritage and mainstream culture. This confusion and imbalance can and has led to loss of identity and cultural diversity. Therefore it is critical to involve them into decision-making processes to hear their voice, identify their needs and act accordingly instead of assimilating them to the expectations and perceptions of the mainstream.

In conclusion, issues relevant to decision making range from the actual participation in the decision making bodies, the ability to express opinions, the capacity to understand the issue in discussion and generate own ideas, the access to accurate and updated information, the motivation to participate, and the recognition and acceptance of the suggestions made should be observed but no effort is made to make this reality happen. Although Botswana government has been claiming that young people have the best answers on young people’s lives, policies related to young people, such as education, vocational training and protection of environment, are often made by senior officers without input from youth, or consulting indigenous youth for their opinions.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...